Conti correnti di appoggio per i conti deposito online

La strategia migliore per utilizzare i conti di deposito online consiste nel cambiare spesso sulla base di quello che offre il miglior rendimento del momento. Per questo è utile avere conti correnti che si prestano a effettuare operazioni veloci come i bonifici online che richiedono 1-2 giorni di tempo prima che siano accreditati.

La scelta migliore è ovviamente avere il conto corrente della stessa banca che offre il conto deposito, ma è chiaro che dovendo cambiare spesso (come da noi suggerito, vale la pena fare un controllo ogni 6 mesi per valutare le proposte delle banche online) questo non può essere sempre valido.

Una buona soluzione è comunque appoggiarsi ai conti correnti online più conosciuti.
La scelta che consiglio è Conto Corrente Arancio con il quale potrete versare immediatamente su Conto Arancio e comunque in breve tempo su qualsiasi conto deposito.

La mia scelta ricade su Conto Corrente Arancio per una semplice ragione: i costi. Il conto di ING infatti non ha costi ed è semplice azzerare  pure il costo del bollo.

Attenzione però che i conti correnti online spesso non possono essere utilizzati come mezzo di riconoscimento per aprire un conto deposito online. Proprio per questo Conto Corrente Arancio si presta come secondo conto corrente essendo senza spese e consentendo di far girare velocemente i soldi fra i vari conti deposito.

Altre proposte alternative valide sono Fineco e IWBank.

FinecoFineco ha però un canone mensile di quasi 6 euro, canone che non si paga se si hanno meno di 28 anni o se si accredita lo stipendio/pensione (o facendo un bonifico in entrata di almeno 1.500 euro).

Attenzione: se sei interessato al trading ti consiglio Fineco.

Infine IWBank è un conto totalmente a zero spese ma a differenza di quello di ING, non c’è modo di azzerare il bollo (lo stesso dicasi per Fineco).

Un’ultima considerazione sui prodotti online citati: tutti offrono gratuitamente il bancomat con prelievi gratis in Italia, la carta di credito (IWBank fa pagare una commissione annuale se non la si utilizza mai), il servizio di trading (con commissioni medie pari allo 0,19% contro lo 0,5-0,7% delle banche fisiche tradizionali).

Speak Your Mind

*