Nuova tassazione del conto deposito

Nuova tassazione conti depositoL’uniformazione delle tasse sulle cosiddette rendite finanziarie sta generando molte incertezze nei risparmiatori, in particolare per quanto riguarda la scelta del conto deposito.

Ricordo i punti essenziali della manovra richiamati nel precedente articolo:

  1. la riforma ha uniformato al 20% la tassa su tutte le rendite finanziarie derivanti da interessi, dividendi e capital gain. Questo si tradurrà in una riduzione dell’aliquota di imposta su conti correnti e conti deposito ed un aumento per azioni, obbligazioni, PcT, derivati, polizze vita, fondi e ETF. Sono esclusi dall’aumento i Titoli di Stato (inclusi quelli europei)
  2. la riforma è già in vigore anche se in attesa di definitiva conversione da parte del Parlamento
  3. la nuova tassa si applicherà dal 1 gennaio 2012

Con tali premesse quindi salvo cambiamenti (molto improbabile considerando i tempi e visto che nessuno sembra mettere in discussione questa riforma), chi vincolerà oggi a 6 o 12 mesi rientrerà già alla scadenza nel nuovo regime.

La nuova tassazione cambia la classifica

La nuova tassazione da una parte faciliterà i confronti essendo ora (quasi) tutto al 20%. Premesso questo quindi, come anticipato nel precedente articolo, si capovolge la classifica:

  1. IWBank con la formula 6 mesi + 6 con rendimento medio a 12 mesi del 4 lordo e quindi 3,2% netto (20% di imposta)
  2. InMediolaum con rendimento netto a 12 mesi pari al 3%
  3. PcT Che Banca – tasso netto a 10 mesi 2,8%

Per chi è incerto e preferisce aspettare a vincolare le soluzioni che suggeriamo sono:

  • il PcT di Che Banca a 4 mesi (se lo sottoscrivi ad agosto scadrà a dicembre quindi prima del cambio di imposta). Con l’attuale tassa del 12,5% questo Pronti contro Termine rende il 2,4% netto per appunto 4 mesi.
  • il deposito libero (vale a dire senza vincoli di tempo) di IWBank al 3% lordo e quindi 2,19% netto fino a fine anno. Nel 2012 grazie alla nuova aliquota passerà al 2,4%

Queste ultime due sono scelte migliori rispetto a non far nulla e lasciar i soldi sul conto corrente o su conti deposito con minori rendimenti. La prima è per chi preferisce rimandare le scelte a fine anno, la seconda per chi vuole solo aspettare qualche giorno /settimana in attesa di chiarimenti. Nel secondo caso poi potrai anche vincolare con la promozione di IwBank 6 mesi + 6 illustrata precedentemente non appena la manovra sarà stata confermata.

Comments

  1. aurel says:

    ma… il deposito libero di IWBanca non è mica del 3% lordo!

  2. zontar says:

    Scusa ma secondo me tutti quelli che hanno dei risparmi (vincolati o no) nei vari conti deposito entreranno nel nuovo regime di tassazione il 1 Gennaio 2012 (sempre che la manovra venga ratificata in Parlamento). Anche se io ho dei soldi vincolati ad esempio fino a Giugno 2012 mi verranno ricalcolati gli interessi applicando una tassazione del 20% dal 01/01/2012. Non credo proprio che le banche si approprieranno di soldi non loro ovvero quel 7% in meno di tasse che devo pagare.
    Che ne pensi ?

  3. ccirus says:

    Chiaramente non possiamo esser certi di nulla in attesa di conferme dal Parlamento e dalle banche ma il decreto riporta la frase “interessi divenuti esigibili dal 1 gennaio 2012”, che si presta a poche interpretazioni:
    – se gli interessi sul conto deposito sono anticipati e quindi esigibili subito, come con Che Banca o Rendimax, l’aliquota rimane quella vecchia del 27%
    – se sono posticipati come per InMediolanum o ING al 20% perché esigibili nel 2012.

    Stesso discorso per i Pct

Speak Your Mind

*